>> L'OASI SI PRESENTA >>  LISTA DEGLI ANIMALI DELL'OASI >> CORONELLA GIRONDICA

Coronella girondica (Daudin, 1803)
Colubro di Riccioli

SISTEMATICA E TASSONOMIA
Phylum: Chordata
Classe: Reptilia
Ordine: Squamata
Famiglia: Colubridae

CARATTERISTICHE
Pi termofila della congenere, prevalentemente terricola e molto elusiva ha abitudini crepuscolari e notturne. E' attiva dalla primavera alla fine dell'estate.
Predatore, si nutre prevalentemente di sauri ma pu predare anche micromammiferi e piccoli serpenti.
Specie ovipara, gli accoppiamenti avvengono a primavera inoltrata e possono essere preceduti da combattimenti tra maschi. Le uova, mediamente da 1 a 4, vengono deposte all'inizio dell'estate e la schiusa avviene in tarda estate.

COROLOGIA E DISTRIBUZIONE GENERALE
Presente nel Mediterraneo occidentale, occupa tutta la Spagna e il Portogallo, il sud della Francia e l'Italia dove maggiormente comune nel versante tirrenico settentrionale. Distribuzione altitudinale per l'Italia: 0-1000 m (netta prevalenza <400 m)

DISTRIBUZIONE E HABITAT IN EMILIA-ROMAGNA
Presente solo nel settore appenninico, ha distribuzione frammentaria, particolarmente rarefatta nel settore occidentale. Essendo molto simile alla congenere verosimile che vi siano errori nelle segnalazioni.
Specie termoxerofila, predilige aree pietrose in versanti soleggiati, frequenta sia ambienti forestali come orno-ostrieti e querceti xerofili che gli arbusteti assolati della bassa
collina con elementi floristici mediterranei, termofili e xerofili e la si rinviene in ambienti antropizzati, presso ruderi, muri a secco e casolari.

STATO DI CONSERVAZIONE DELLE POPOLAZIONI REGIONALI
Valutazione IUCN regionale: LC
Valore conservazionistico delle popolazioni regionali: Particolarmente rarefatta nel versante adriatico dell'Italia, in Emila-Romagna si trovano molti ambienti favorevoli. Valore conservazionistico: Medio-alto
Probabilmente la sua distribuzione sottostimata, ma ipotizzabile una contrazione generale della specie.

PRINCIPALI FATTORI DI MINACCIA
Gestioni errate di agroecosistemi e aree forestali, con perdita di naturalit e scomparsa di superfici vegetate anche di modeste dimensioni. Persecuzione da parte dell'uomo.

MISURE DI TUTELA E CONSERVAZIONE
Educazione alla conoscenza e al rispetto degli ofidi, salvaguardia di aree marginali incolte, muri a secco, cataste di legna e pietrame, impianto di siepi e cespuglieti con specie vegetali autoctone. Incentivazione di pratiche colturali a basso impatto sugli ecosistemi.

SEGNALAZIONI NELL'OASI
DATA STAZIONE RILEVATORE NOTE
06/06/2016 B&B Rio Conco Papa Francesca

Webmaster: Ecosistema scrl
Consulenze e Servizi per la conservazione della Natura e lo sviluppo ecosostenibile - Copyright 2006-2013 Ecosistema scrl