>> L'OASI SI PRESENTA >>  LISTA DELLE PIANTE DELL'OASI >> POPULUS ALBA

Populus alba L.
Pioppo bianco; Gattice

SISTEMATICA E TASSONOMIA
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Magnoliopsida (Dilleniidae)
Ordine: Salicales
Famiglia: Salicaceae
Può essere confuso con:
- Populus nigra L. (Pioppo nero) che ha corteccia fessurata grigio-nerastra nella parte medio-bassa del fusto; chioma meno allargata (fastigiata nella cv. pyramidalis); gemme vischiose glabre; rametti glabri a sezione angolosa; foglie triangolari-romboidali verdi su ambedue le pagine, ad apice acuto e bordo dentellato, amenti maschili non pelosi ed amenti femminili verdastri.
- Populus tremula L. (Pioppo tremulo) che ha corteccia grigio-verdastra, liscia, tardivamente screpolata; rami ascendenti e chioma arrotondata o globosa; foglie turionali ovali-triangolari acute, foglie brachiblastali sub-orbicolari, a bordo dentato, cordate, glabre su entrambe le pagine, con lungo picciolo appiattito in senso ortogonale alla lamina, amenti maschili e femminili peloso-setolosi, con brattee fiorali laciniate.
- Populus canescens (Aiton) Sm. (Pioppo gatterino), raro, da alcuni considerato ibrido P. alba x P. tremula Krause, che è molto simile nella corteccia al pioppo bianco, ma ha dimensioni più ridotte ed ha foglie simili a quelle del pioppo tremulo, irregolarmente dentate, non lobate e grigio-fioccose inferiormente, con picciolo compresso; amenti con brattee fiorali laciniate.

CARATTERISTICHE
Albero alto fino a 30(35) m e con diametro del tronco fino a 120 cm, abbastanza longevo, a fusto eretto, spesso sinuoso o ramificato, con grosse branche principali; chioma ampia e largamente arrotondata; corteccia da bianca a grigio chiara-verdastra, liscia e con evidenti lenticelle a disposizione anulare da giovane, a maturità nerastra e scabra solo nella parte bassa del fusto; rametti a sezione arrotondata biancastri, tomentosi, non vischiosi; gemme ovate, bianco-pelose.
Foglie alterne di due tipi: turionali (dei rami sterili) più grandi, palmato-lobate (5 lobi ottusi), grossolanamente triangolari, con picciolo di 5-9 cm, margine a grossi denti; foglie brachiblastali (dei rami fioriferi) 4-7 x 3-5 cm brevemente picciolate (2-3 cm), ovali o ellittiche-allungate, grossamente dentate; in entrambi i tipi la pagina superiore, inizialmente bianchiccia, è verde-opaca e l'inferiore è bianco-tomentosa o feltrosa, nivea nelle turionali, più grigiastra nelle brachiblastali.
Pianta dioica con fiori maschili in amenti cilindrici di 8-10 cm provvisti di brattee dentellate coperte di ciuffi di peli, con antere dapprima porporine, poi gialle; amenti femminili molto più brevi, con stimmi rosa e brattee fiorali anch'esse dentellate e pelose.
Il frutto è una capsula bivalve, conica, oblunga, glabra e piuttosto rugosa di 4-5 mm, che contiene alcuni semi bruno rossastri, forniti di lunghi peli cotonosi.
P scap - Fanerofite arboree
Antesi: Febbraio-marzo.
Pianta mediamente eliofila, è la più termofila dei pioppi indigeni. Di preferenza si osserva su suoli alluvionali profondi, freschi e fertili.

COROLOGIA E DISTRIBUZIONE GENERALE
Paleotemp. - Eurasiatiche in senso lato, che ricompaiono anche nel Nordafrica.
Areale che si estende dall'Europa centro-meridionale all'Asia occidentale e all'Africa mediterranea. Specie paleotemperata.
Distribuzione in Italia: È specie diffusa e comune in tutte le regioni.

DISTRIBUZIONE E HABITAT IN EMILIA-ROMAGNA
Vegeta presso fiumi e laghi in stazioni umide e talvolta inondate, solitamente sporadico o a piccoli gruppi, spesso insieme a pioppo nero, frassino ossifillo, ontano nero e salici.

SEGNALAZIONI NELL'OASI
DATA STAZIONE RILEVATORE NOTE
09/04/2017 Lungo Reno Sirotti Maurizio Visita guidata flora spontanea
20/10/2013 Lungo Reno Andrea Serra (Ecosistema)

Webmaster: Ecosistema scrl
Consulenze e Servizi per la conservazione della Natura e lo sviluppo ecosostenibile - Copyright © 2006-2013 Ecosistema scrl